Centro Medico Gratuito: 5 Mesi di attività.

Sono trascorsi ormai cinque mesi dall’inaugurazione dello studio medico gratuito aperto all’interno della chiesa di San Tommaso a Capuana, un impegno preso con la comunità di via dei Tribunali, del Centro Storico, dell’ intera città di Napoli.

Un’ idea, un desiderio divenuto realtà grazie al contributo della Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli, della Fondazione  Banco di Napoli, delle  tantissime realtà presenti sul territorio, ma anche e soprattutto dei residenti, dell’Associazione Sisto Riario Sforza, che dallo scorso ottobre lo gestisce, e dei tanti medici che gratuitamente hanno messo a disposizione il proprio tempo, le proprie conoscenze e la propria generosità a servizio di questo bellissimo progetto.

In queste settimane di assiduo lavoro, lo studio è diventato sin da subito un punto di riferimento per i cittadini; basta guardare i numeri  per esserne certi: 1.082 visite, più di 30 professionisti, 65 controlli in media a settimana, moltiplicatisi di giorno in giorno quanto più si diffondeva sui social l’operato dell’associazione, quanto più si intensificava il passaparola, quanto più si allungava la lista delle prestazioni offerte.

Dall’ortopedico al cardiologo, dal ginecologo all’oculista passando per il neurochirurgo, a via dei Tribunali 216 c’è stata una vera e propria gara di solidarietà; una gara che permette quotidianamente di fornire consulti e prestazioni a chi non potrebbe permetterseli, e  che ha messo a disposizione dell’intera zona un defibrillatore, l’unico del quartiere, per il cui corretto utilizzo è stato avviato un corso gratuito, rivolto a tutti i cittadini e ai commercianti della zona.

Dai semplici controlli, considerabili di “routine” , agli interventi d’urgenza veri e propri, in questi mesi l’operato dello studio medico ha consentito a molti pazienti visite di altissimo valore,  diagnosi precoci, radiografie, Tac ed ecografie; un lavoro che, qualche volta, ha salvato la vita:  in tantissimi dei casi arrivati allo studio medico dell’associazione Sisto Riario Sforza, infatti, è stato realmente determinante l’ aiuto dei medici e dei volontari; una donna straniera cui era stato diagnosticato un carcinoma in stato avanzato, in procinto di subire l’operazione necessaria a rimuoverlo, ha trovato a via dei Tribunali degli specialisti che, indirizzandola verso le analisi più opportune, ha scoperto le cure più idonee al suo caso ed è attualmente in fase di guarigione.

Ma la storia che più ha colpito chiunque abbia avuto modo di conoscerla, visitando la struttura di via dei Tribunali o ascoltando i volontari, è quella di un cinquantenne arrivato allo studio medico alcuni giorni dopo l’inaugurazione, con un tumore al cervello, devastante, che gli aveva invaso sia il corpo, sia la vita.

Non riusciva più a muovere parte degli arti, non sentiva quasi più, comunicare gli era diventato quasi impossibile. In soli tre giorni, ha ottenuto una serie di visite specialistiche, che hanno evidenziato la possibilità, se pur minima, di un’ operazione all’avanguardia che avrebbe permesso la guarigione. La rete di contatti dei medici ha fatto il resto, e un’operazione a Verona ha concluso felicemente questa storia che sarebbe potuta finire diversamente, e che invece oggi possiamo raccontare come una rivincita, il riscatto di chi solo qualche mese fa poteva solo sperare di recuperare le proprie capacità, e di tornare a vivere.

La visita più richiesta?

 

A sorpresa, quella dell’osteopata: 421 appuntamenti fissati in questi 5 mesi di attività!